Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Lunedì, 27 Febbraio 2017 11:24

Nota dell'Amministrazione Comunale di Recanati

Vota questo articolo
(0 Voti)

"Beata ignoranza" era il santino che all'epoca della riforma Gelmini girava tra gli insegnanti per ribadire come chi ignora e non conosce il mondo complesso della scuola, riesce solo a far danni, e su questo ne abbiamo avuto ampia dimostrazione. La nota del movimento 5 stelle di Recanati è come al solito un minestrone farcito di retorica che parte dalla scuola per arrivare all'assemblea della Città dell'Olio, passando per Lunaria. È sconcertante constatare, come chi vorrebbe ambire al governo della città, possa per l'ennesima volta rivelarsi superficiale e retorico al solo scopo di creare confusione e malumore tra i cittadini, ma a questo punto ci dobbiamo rassegnare ...questo è il solo modo che hanno di fare politica. Ma entriamo nel merito delle questioni scuola e del contributo che ogni anno il Comune versa ai due Istituti Comprensivi. La cosa bizzarra è che il movimento 5 stelle non sappia come questi soldi vengono spesi, appunto "beata ignoranza". Sveliamo l'arcano, la somma che il Comune di Recanati versa, e che non ha mai tagliato da diversi anni, è utilizzata come indicata dalla legge, per il funzionamento della segreteria come ad esempio acquisto e aggiornamento software amministrativi, cancelleria etc. Ben altre cifre sono investite dal Comune per i bambini e i ragazzi delle nostre scuole cittadine. Tra assistenza scolastica, linguistica etc. ogni anno il Comune spende una cifra che si aggira tra i 400 e i 500 mila euro. Forse in questi mesi il movimento 5 stelle è stato distratto da questioni romane e non si è accorto degli innumerevoli progetti GRATUITI che il comune ha offerto a tutti gli ordini di scuole recanatesi. Ne ricordiamo alcuni: il "XsianiXnoi" con laboratori teatrali, "Arte e Immagine alla primaria" con gli studenti dell'Accademia di belle Arti di Macerata, Laboratori di cinema con il "Premio Alessandrini", ancora teatro con il progetto della polizia postale contro il "Cyberbullismo", "Vigile amico" con la polizia municipale, "Giornalismo a scuola" in collaborazione con l'ITIS Mattei e la testata di Cronache Maceratesi, "Arte con i bambini dell'Infanzia" laboratorio d'arte con l'artista, il coding a scuola con il "Coderdojo" in collaborazione con l'ITIS Mattei, "L'Opera a scuola" in collaborazione con VillaIncanto, Laboratori di corti in collaborazione con il regista Giorgio Cingolani sull'integrazione raziale, "Non azzardo con l'azzardo" progetto sulla prevenzione della ludopatia con un incontro informativo a teatro e progettazione di un logo, senza contare poi dei progetti istituzionali come la "giornata della memoria" o "la giornata del ricordo" sempre con il coinvolgimento delle scuole. Inoltre, anche quest'anno l'addizionale IRPEF del 5% mille che i cittadini recanatesi hanno indirizzato al Comune è stato utilizzato per le scuole. I due Istituti Comprensivi Badaloni e Gigli hanno infatti ricevuto una stampante 3D per stimolare la creatività e sviluppare competenze informatiche negli alunni. Si spera che il movimento 5 stelle ora ne sappia di più e comunque restiamo a disposizione per qualunque chiarimento e confronto costruttivo per il bene comune.

Letto 1494 volte Ultima modifica il Lunedì, 27 Febbraio 2017 11:25