Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Venerdì, 24 Febbraio 2017 08:42

La lirica incontra gli studenti delle scuole recanatesi

Vota questo articolo
(0 Voti)

È andato in scena nei giorni scorsi l’incontro tra l’opera lirica e le Scuole “Patrizi” e “San Vito” di Recanati. Grande il successo dell’iniziativa promossa dal Comune di Recanati,dall’assessore alle Culture e alla Pubblica Istruzione Rita Soccio, dall’Accademia Lirica Beniamino Gigli e dall’Associazione Villa InCanto. Un incontro carico di emozioni dato anche dal fatto che molti dei ragazzi ascoltavano per la prima volta dal vivo, questo tipo di musica restando letteralmente a bocca aperta per la potenza e la versatilità delle voci dei solisti. Il M Riccardo Serenelli spiega che l’associazione Villa InCanto nasce per avvicinare i giovani e i neofiti all’opera lirica in maniera semplice e coinvolgente. Ragazzini dagli occhi curiosi che fissano gli artisti e alla fine della loro esibizione chiedono come sia possibile cantare senza un microfono o quanto tempo sia necessario prima di poter cantare un’opera lirica o interessati a conoscere la differenza tra i diversi registri vocali. Curiosità veicolata dall’emozione e dalla novità di storie che ascoltavano per la prima volta. Il tenore Dario Ricchizzi ed il soprano Zarah Hible accompagnati al piano dal M° Serenelli si sono esibiti ed hanno poi risposto alle curiosità dei ragazzi attentissimi all’insolita lezione. Domande semplici, ma mai banali che fanno comprendere quanto lavoro ci sia ancora da fare per conoscere un’arte nobile, che ha reso grande l’Italia nel mondo, ma di cui oggi le giovani generazioni conoscono ben poco. Il prossimo 24 marzo presso il Teatro Persiani di Recanati, le scuole coinvolte nel progetto, preparati dai loro insegnanti, parteciperanno attivamente alla messa in scena de L’Elisir d’Amore di Donizetti , cantando alcune parti corali e creando degli oggetti per la scena. L’iniziativa fa ben sperare che nella città di Beniamino Gigli la lirica offerta in modo agile e avvincente faccia breccia fra i giovani, futuri figli della bella Italia.

Letto 945 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Febbraio 2017 08:50