Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Mercoledì, 12 Ottobre 2016 10:29

Il week-end del 15 e 16 ottobre con 'Io non rischio', campagna nazionale di prevenzione della Protezione Civile

Vota questo articolo
(0 Voti)

In piazza Giacomo Leopardi per le buone pratiche di protezione civile con la campagna di prevenzione Io non rischio. Recanati è una delle 800 città che ospitano l'evento nel week nd del 15 e 16 ottobre. A promuoverlo,per il sesto anno consecutivo, sono il volontariato di Protezione Civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica che si impegnano insieme per una campagna di comunicazione nazionale sui rischi naturali che interessano il nostro Paese. In piazza Giacomo Leopardi saranno protagonisti i volontari del locale Gruppo Comunale di Protezione Civile con un punto informativo per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sul rischio ed in particolare sul rischio alluvione. A poco meno di due mesi dal sisma che ha colpito il centro Italia il mondo del volontariato, che insieme al Servizio Nazionale della Protezione Civile è in prima linea nella gestione dell’emergenza, si farà portavoce delle buone pratiche di prevenzione dei rischi, consegnando materiale informativo e rispondendo alle domande su cosa ciascuno di noi può fare per ridurre il rischio alluvione e non solo.“Io non rischio”, campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico, è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica. L’inserimento del rischio maremoto e del rischio alluvione ha visto il coinvolgimento di Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima e Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica. L’edizione 2016 coinvolge volontari e volontarie appartenenti alle sezioni locali di 27 organizzazioni nazionali di volontariato di protezione civile, nonché a gruppi comunali e associazioni locali. L’Italia è un paese esposto a molti rischi naturali ma è altrettanto vero che l’esposizione individuale a questi rischi può essere sensibilmente ridotta attraverso la conoscenza del problema, la consapevolezza delle possibili conseguenze e l’adozione di alcuni semplici accorgimenti che negli ultimi anni la Protezione Civile di Recanati sta promuovendo soprattutto nelle scuole attraverso incontri e simulazioni. Un impegno che recentemente si è concretizzato anche con la realizzazione di un Manuale che è stato recentemente consegnato a tutte le famiglie di Recanati e al centro di specifiche lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado, un vero e proprio vademecum con informazioni e nozioni utili per la gestione delle varie situazioni di emergenza con gli strumenti per affrontarli e le informazioni sui punti di raccolta da raggiungere in caso di calamità. In piazza Giacomo Leopardi sarà possibile sapere a quali rischi è soggetta la zona in cui si vive, si lavora o soggiorna, perchè conoscerli aiuta a prevenire e affrontare meglio le situazioni di emergenza. Sarà possibile avere risposte su cos’è un’alluvione?, Dove sono indicate le aree a rischio? Le alluvioni si possono prevedere? Cosa si può fare per ridurre il rischio alluvione? Come funziona l’allertamento? Cosa devi sapere? Cosa devi fare? Anche tu, con semplici azioni, puoi contribuire a ridurre il rischio alluvione. Vieni sabato e domenica in Piazza Giacomo Leopardi e lo scoprirai!

Letto 1898 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Ottobre 2016 10:32