Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Giovedì, 07 Aprile 2016 08:32

Un aiuto alle famiglie, Astea e Comune promuovono il bando solidarieta'

Vota questo articolo
(0 Voti)

Anche per l’anno 2016 l’Astea Energia ha ritenuto opportuno rinnovare il bando di solidarietà a favore e a sostegno delle famiglie che si trovano in condizioni di disagio economico. L’Amministrazione Comunale ha stabilito una soglia di 400,00 € in favore di ciascun nucleo famigliare avente diritto, tenendo conto dei consumi medi di una famiglia tipo. Il contributo non comporta oneri a carico del bilancio comunale poiché viene erogato all’utenza direttamente da Astea Energia. Il Comune si impegna quindi ad emanare un bando per l’accesso al contributo e per il sostegno dei pagamenti delle fatture per la fornitura dell’energia elettrica ad uso domestico. Presto un bonus analogo sarà attivo anche per il servizio idrico da parte dell’A.A.t.o., il quale si rende disponibile a collaborare attraverso agevolazioni in favore delle fasce deboli. Poiché il disagio non può attendere, ma ha bisogno di azioni concrete, la collaborazione e la sinergia tra tutti i soggetti coinvolti sarà rafforzata. L’azione dell’Amministrazione Comunale in favore delle famiglie e dei soggetti fragili si concretizza quindi su più fronti, attraverso la concessione di contributi, riduzioni tariffarie e la rateizzazionen di pagamenti . “E doveroso ed opportuno garantire una qualità di vita dignitosa a tutti i cittadini che vivono in condizioni di disagio. L’obiettivo- spiega l’Assessore Tania Paoltroni- è quello di prevenire il più possibile l’interruzione delle varie forniture ed il degenerare di situazioni di morosità con ricadute di costi a carico del Comune. Questo protocollo rappresenta un passo avanti per garantire in  modo equo e puntuale la tutela della fasce più deboli a carico dei servizi sociali recanatesi”. 

Letto 2060 volte Ultima modifica il Giovedì, 07 Aprile 2016 08:36