Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Venerdì, 10 Giugno 2016 10:36

Tornano le benemerenze junior, otto alunni protagonisti alla cerimonia di domenica all'Aula Magna

Vota questo articolo
(0 Voti)

Si rinnova anche quest'anno l'appuntamento con le Civiche Benemerenze Junior. Domenica all'Aula Magna del Palazzo Municipale saranno premiati anche gli alunni che si sono distinti per il loro impegno, studio e interessi nel triennio presso gli Istituti Comprensivi Badaloni e Gigli. A fianco dei nove concittadini che grazie al loro ingegno, professionalità e caparbietà tengono alto il nome di Recanati, sfileranno anche otto giovani che hanno da poco concluso un importante ciclo scolastico. Le Benemerenze Junior sono state fortemente volute dall'Assessore alle Culture e Pubblica Istruzione Rita Soccio che da insegnante sa cosa significa avere interesse per lo studio e responsabilità in questa particolare età. A ricevere il riconoscimento saranno Alice Mogliani, Sindi Sceriffi, Mattia Lucarini e Giorgia Cervellini che hanno frequentato la terza classe alla Scuola secondaria di primo grado "Patrizi" dell'I.C. Gigli. "Gli alunni hanno saputo coniugare scuola e interessi personali, hanno cercato di dare il meglio di sé in ogni ambito e hanno accettato le sfide proposte. Nel corso del triennio si sono distinti per un alto livello di apprendimento, lavorando con costanza e impegno; hanno mostrato curiosità e senso di responsabilità; hanno imparato, nella piccola società della classe, l’importanza della collaborazione e la bellezza di ogni diversità" si legge nella motivazione. Sopia Marrocchi, Matteo Tomassoni, Filippo Carella e Aurora Marchetti sono invece gli alunni meritevoli della Scuola secondaria di primo grado "San Vito" dell'I.C. Badaloni. “Gli alunni nel corso del triennio, oltre ad aver conseguito ottimi traguardi d’apprendimento, hanno dimostrato impegno, capacità e disponibilità per migliorare il clima in classe; nelle attività didattiche hanno saputo proporsi in modo costruttivo in un’ottica di dialogo con i compagni e i docenti, rispetto reciproco e collaborazione” è quanto cita la motivazione.

Letto 1925 volte Ultima modifica il Venerdì, 10 Giugno 2016 10:39