Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Martedì, 20 Gennaio 2015 12:08

XSIANIXNOI, UN’OFFICINA DI FORMAZIONE TEATRALE A RECANATI

Vota questo articolo
(0 Voti)

sianixnoi, progetto di formazione per bambini, ragazzi e over 60 nato da sei anni su iniziativa del Comune di Recanati e dell’AMAT accanto alla stagione del Teatro Persiani di Recanati, diventa una vera e propria officina di formazione teatrale. Dal 22 gennaio al 24 maggio quattro laboratori gratuiti affrontano varie tematiche e si propongono di far sperimentare alcune tecniche proprie dello spettacolo dal vivo: training fisico-vocale, azione teatrale, narrazione orale e improvvisazione.
“Xsianixnoi – afferma Rita Soccio Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Recanati – è un progetto importante per la nostra città, in particolar modo quest'anno con una programmazione rivoluzionata che si incentra interamente sulla formazione teatrale. I corsi che abbiamo deciso di attivare, sono mirati totalmente agli alunni e alle alunne della primaria e della secondaria di primo grado, poiché siamo convinti che fare teatro sia un'esperienza formativa e significativa che aiuta a crescere e diventare persone migliori.”
Le attività intendono stimolare una maggiore capacità di ascolto di sé e degli altri, un perfezionamento del lavoro di squadra e contemporaneamente uno sviluppo delle singole potenzialità espressive. Gli insegnanti, di comprovata esperienza nel campo della formazione, guideranno i gruppi attraverso degli incontri a cadenza settimanale. Tutti i corsi, che terranno conto delle inclinazioni e delle attitudini dei partecipanti, saranno finalizzati alla messa in scena di uno spettacolo; l’officina si chiuderà, infatti, con una grande festa che vedrà sul palcoscenico del Teatro Persiani i risultati di tutti i laboratori domenica 24 maggio.
La Scuola per supereroi è il laboratorio condotto da Lorenzo Bastianelli con i bambini delle seconde elementari che attraverso l’utilizzo di strumenti tipicamente teatrali, giochi e attività motorie, fa sì che il bambino scopra, sviluppi e approfondisca l’arte della creazione e non solo. Utilizzando questi strumenti, si aiuta il bambino ad attivare la capacità di interagire senza inibizione, l’accettazione di se stessi, l’approvazione dell’altro per come è, la capacità alla collaborazione per raggiungere obiettivi comuni.
Pinocchio è il personaggio di invenzione italiana più conosciuto all’estero. Un capolavoro di grandissima forza evocativa che porta la figura dell’irriverente burattino di legno a livelli di mitologia contemporanea. Proviamo ad immaginarlo esplorare l’Europa, attraverso costumi e usanze di popoli diversi, porteremo la sua tradizione in viaggio affinché si faccia contaminare dalle altre. Questo faranno i bambini delle quarte elementari in Pinocchio cittadino d’Europa a cura dell’ATGTP (Associazione Teatro Giovani e Teatro Pirata).
A Giacomo Leopardi è dedicato Il sommo diletto laboratorio condotto da Andrea Caimmi con i ragazzi delle seconde medie. Lo slancio, l'entusiasmo, la passione, l’”allegrezza pazza”. La ricerca della felicità espressa attraverso un potentissimo slancio vitale. Anche questo è Giacomo nella sua prima giovinezza, terreno comune a tanti altri ragazzi. Questo il punto di partenza del laboratorio.
Agli over 60 è dedicato Il mondo a parte a cura di Sonia Antinori. In un mondo in cui è possibile imparare tutto o quasi sui libri o sul computer, il teatro resta materia che richiede un rapporto diretto, fatto di pratica, fiducia, condivisione. Un mondo a parte, quello della scena, distinto da quello reale, che nell'arco breve di questo ideale viaggio costituirà la meta del cercare.

Letto 1501 volte