Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Martedì, 30 Maggio 2017 11:38

Califone in concerto al Persiani nell'ambito del Klang Festival

Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 1 giugno al Teatro Persiani di Recanati prosegue KLANG – altri suoni, altri spazi, festival musicale regionale promossa dall’AMAT in collaborazione con Loop Live Club, la Regione Marche e quattordici Comuni delle cinque province marchigiane che ospitano i concerti. La scena è per Califone, la band di Tim Rutili in concerto per omaggiare Roomsound, disco d’esordio uscito quindici anni fa, a segnare il passaggio dai Red Red Meat alla nuova creatura Califone. La formazione originale composta da Ben Massarella, Brian Deck, Wally Boudway e Ross Andrews si è ritrovata per un tour nord-americano lo scorso autunno e finalmente approda in Italia con il suo blues post-moderno e sperimentale in un riuscito connubio tra tradizione e sperimentazione. Roomsound è un album seminale in grado di tracciare una linea e anticipare tendenze, lontano dai riflettori ma ben presente nella testa e nel cuore di addetti ai lavori, musicisti e appassionati. Band come Wilco, Iron & Wine e Modest Mouse, per citare nomi con i quali i Califone vantano amicizie e collaborazioni assai strette, hanno ampiamente attinto alla miniera di suoni che i Califone crearono con quello storico esordio. I Califone cambiarono l'american music, quella di folk, country e blues, aggiungendovi elementi di disturbo, "scarti" e deviazioni, provocando un disorientamento produttivo e rigenerante. I Califone di Roomsound e Quicksand/Cradlesnakes resero alternativo ciò che era familiare al grande pubblico americano. Di questa cifra estetica i Califone erano e sono indiscussi maestri e gli innumerevoli tentativi di imitazione tali sono rimasti. Slide polverose e schegge elettriche, elettronica in bassa fedeltà e tastiere analogiche, suoni trovati e percussioni autocostruite, ripiegamenti acustici alternati a impennate rabbiose, vocalità dolente ma anche corale e trascinante sono il marchio di fabbrica di quel disco (e dei suoi successori, altrettanto belli). Attenta com'è ai percorsi e alle sorti del songwriting di qualità, la Dead Oceans (casa, tra i tanti, di The Tallest Man on Earth, Phosphorescent, Riley Walker, Bill Fay) non si è lasciata sfuggire l'occasione di ripubblicare in versione espansa su vinile sia Roomsound che Quicksand/Cradlesnakes. Dal vivo al fianco del sempre presente Rutili si sono così rivisti i membri storici Ben Massarella e Brian Deck (già con lui nei mitologici Red Red Meat) e i giovani Wally Boudway & Ross Andrews dei Wooden Indian Burial Ground. Un supergruppo, insomma, per un concerto che si preannuncia indimenticabile. Biglietto 10 euro, ridotto 8 euro. Informazioni Biglietteria Teatro Persiani 071 7579445. Inizio concerto ore 21.

Letto 1162 volte Ultima modifica il Martedì, 30 Maggio 2017 11:42