Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Martedì, 21 Luglio 2015 00:00

Una citta' pulita grazie alla raccolta porta a porta e al progetto di decoro urbano, la polizia locale intensifica i controlli

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

CittaPulita

Una città bella, accogliente ma sopratutto pulita. E' quanto riscontrano i tanti turisti che in questo periodo estivo giungono a Recanati per visitarne le eccellenze ulteriormente valorizzate dal successo del film Il giovane favoloso. Chi sale sul colle piu' famoso d'Italia non può che prendere atto dell'alto grado di pulizia che regna sia nei luoghi leopardiani in particolare nel centro storico ma anche nelle altre zone della città. Tutto ciò grazie al miglioramento del progetto di decoro urbano fortemente voluto dal Sindaco Francesco Fiordomo all'inizio del suo primo mandato con gli operatori in attività anche nei week end, e ad una sempre maggiore attenzione della cittadinanza nel rispetto delle regole della raccolta porta a porta che ha ormai raggiunto la soglia dell'80%. A sorvegliare sul corretto comportamento dei cittadini è la Polizia Locale che dall'inizio dell'anno ha effettuato ben 156 controlli volti proprio a contrastare l'irregolarità, l'abbandono e la mancata differenzazione. Un impegno quotidiano che ha portato a elevare molteplici diffide e anche qualche verbale nei confronti dei cittadini maggiormente indisciplinati. I controlli si sono intensificati con il periodo estivo sia per garantire un buon decoro urbano che l'aspetto igenico viste le alte temperature di questi ultimi giorni che potrebbero sviluppare cattivi odori in caso di scorretta differenzazione dei rifiuti. L'invito dell'amministrazione comunale nei confronti della cittadinanza è quello di essere collaborativa e di rispettare gli orari di conferimento al fine di non inciampare nelle sanzioni previste dal regolamento comunale visto che ormai, a piu' di un anno dall'entrata in vigore del microcip per la raccolta porta a porta, può considerarsi concluso il periodo delle diffide e si passerà dunque all'applicazione del regolamento nei confronti di coloro che non hanno ancora interiorizzato l'importanza del progetto. A chiedere il pugno duro a questo punto sono proprio     quei cittadini modello, per una piu' che giustificata equità di trattamento nel rispetto delle disposizioni in tema di rifiuti.

Ultima modifica il Sabato, 16 Aprile 2016 13:06