Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Lunedì, 21 Marzo 2016 12:19

Informativa ‘processionaria’

Vota questo articolo
(0 Voti)

processionariaOrdinanza del Comune di Recanati. Pericolo “processionaria” per persone e animali

Informazioni:
La processionaria del pino è un fitofago parassita principalmente del genere Pinus, la sua caratteristica è quella di formare nidi sericei sugli alberi all’interno dei quali si sviluppano le larve che, a fine inverno/inizio primavera, in processione, scendono per interrarsi e divenire prima crisalide poi farfalla.


La particolarità dell’insetto è quella di essere un vorace fitofago capace di defogliare vaste aree alberate ed inoltre le larve, a causa dei peli urticanti posti sul dorso, possono provocare irritazioni cutanee ed altre anomalie di tipo dermatologico a persone ed animali. Visto l’andamento climatico anomalo di questo inverno, caratterizzato da temperature alte rispetto alla media del periodo, le larve hanno anticipato la schiusa dei nidi per procedere all’interramento, formando a terra le caratteristiche “processioni”, quindi in relazione alle prime segnalazioni da parte dei cittadini, gli uffici comunali competenti hanno effettuato il monitoraggio delle aree di proprietà comunale, con significativa presenza di alberi sensibili al fitofago, e provveduto ad attivare la raccolta dei rami con i nidi, nonché il monitoraggio su altri alberi pubblici. Si è inoltre provveduto ad emettere ordinanza per il contenimento della popolazione del fitofago a salvaguardia della salute pubblica.

L’azione di contrasto alla processionaria del pino è regolata da un Decreto Ministeriale di lotta obbligatoria del 30 ottobre 2007: “Disposizioni per la lotta obbligatoria contro la processionaria del pino Traumatocampa (Thaumetopoea) pityocampa (Den. et Schiff)”, dove è fatto obbligo di procedere contro il lepidottero, “…a cura e spese dei proprietari e dei conduttori delle piante infestate”. Si ricorda che la processionaria del pino è un insetto endemico in Italia e nel mediterraneo, parte della complessità dell’ecosistema, che quindi può essere contenuto ma non debellato e l’aspetto quantitativo della sua presenza è regolato da fenomeni climatici e dalla presenza o meno di antagonisti naturali. Naturalmente si raccomanda i proprietari di animali di effettuare una vigilanza più assidua sulla presenza di eventuali “processioni”, al fine di evitare che gli animali stessi entrino in stretto contatto con le larve a terra.

Cosa fare:

• in inverno, inizio primavera, quando le larve dell’insetto munite di peli urticanti si trovano nei nidi, effettuare il taglio e la bruciatura dei nidi;
• in estate è consigliabile l’asportazione, dei vecchi nidi vuoti contenenti i peli urticanti;
• in autunno, quando le giovani larve sono prive di peli urticanti, i prenidi devono essere asportati e bruciati e le piante infestate possono essere trattate con bioinsetticidi a base di Bacillus thuringiensis varietà kurstaki oppure, possono essere effettuati trattamenti con prodotti a base di regolatori di crescita (IGR), dopo aver effettuato un opportuno monitoraggio per stabilire se l’insetto si trovi in uno stadio sensibile a questo tipo di prodotti.

Per maggiori informazioni sulla biologia e lotta all’insetto, si rimanda al link del Servizio Fitosanitario Regionale delle Marche, http://www.assam.marche.it/servizi1/fitosanitario/fitosanitario/emergenza-fitosanitaria/205-thaumatopea-pityocampa-processionaria-del-pino. Per segnalazioni al Comune sulla presenza di processionaria su alberi pubblici è possibile contattare l’Ufficio Tecnico Comunale dalle ore 8.00 alle ore 14.00, nella persona del Geom. Benedetto Bernacchini ai seguenti recapiti:

Tel. 0717587264; Cell. 3357467859;
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 2557 volte Ultima modifica il Giovedì, 31 Marzo 2016 11:57
Altro in questa categoria: Ordinanza 39 - Modifica Viabilità »