Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Sirolo (Sciròlo in dialetto anconitano) è un comune anconetano che conta 4023 abitanti e fa parte della Riviera del Conero. Si trova alle pendici del Monte Conero e confina con il mare Adriatico. Fin dalla preistoria i popoli che la abitarono lasciarono segno della loro presenza, i Piceni infatti riempirono di necropoli questa terra (la tomba più eclatante è il Corredo della Regina o Tomba della Regina), sono infatti stati trovati numerosissimi reperti. I Greci sin da IV secolo trovarono terre feconde e fondarono le loro città, chiamando l’enorme monte che avevano accanto Komaros, che i Romani ribattezzarono Cumericum, cioè corbezzolo. Anche quest’ultimo popolo si insediò a Sirolo e lasciarono a loro testimonianza opere idrauliche e un acquedotto, oltre ai corredi artistici. Nell’anno 1000 la necessità di difendersi dagli attacchi dei barbari fece sì che sorgesse il castello di Sirolo, che resistette pere tutto il Medioevo. Nel 1225 i conti Cortesi cedettero la città ad Ancona, che è per questo ancora oggi uno dei Castelli di Ancona. Inoltre dal 1465 entrò a far parte dello Stato della Chiesa. Importanti monumenti di quest’epoca sono la Badia di San Pietro sul Conero (una piccola chiesa in stile romanico), la parrocchia di San Nicola, ka chiesa del SS. Rosario, la chiiesetta dedicata alla Madonna e il Tearto Cortesi. Oggi il comune di Sirolo comprende anche tre frazioni: Coppo, Fonte d’Olio e San Lorenzo.