Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Potenza Picena (Potentia) è una colonia romana che venne distrutta nel IV secolo, durante la guerra greco-gotica, oggi divisa nel nucleo collinare, ricco di valori storico-artistici e quello portuale: Porto Potenza Picena, conta 14.500 abitanti. Quando Potentia scomparve, la popolazione residua cercò rifugio nelle alture e cioè il territorio potentino. Infatti si era andato a formare, attorno alla pieve di S. Stefano, un nucleo abitativo, che nel 1128 iniziò ad avere alcune concessioni dal vescovo e divenne vero comune nel 1252 grazie a Innocenzo IV. Dopo aver costruito le fortificazioni Potenza Picena entra nelle vicende politico-militari di Ancona e tra il 1316 e il 1318 viene devastata dai ghibellini osimani. Nel 1340 la popolazione conta circa 4000 abitanti. Nel XIV secolo sorge il palazzo del Podestà, ristrutturato tra Settecento e Ottocento, affiancato dalla Torre civica.