Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Camerano (Camerà in anconetano) è un comune di 7 295 abitanti della provincia di Ancona. Il primo insediamento umano sul colle risale all'epoca neolitica (III millennio a.C.). Camerano nacque come villaggio di capanne nel periodo Piceno. A testimonianza di questo fu portata alla luce una necropoli; sono state rinvenute più di cento tombe Picene databili dall'XI al III sec. a.C. Durante il periodo romano la gente si disperse nelle campagne, mentre, in epoca medioevale, si manifestò un fenomeno di urbanizzazione. La più antica fonte documentaria medievale è quella del "Codice Bavaro”, del X secolo, dove si fa riferimento al monastero femminile di Santa Maria e Sant'Agata, all'interno della diocesi di Numana e che sembrava essere situato a Camerano. Altre fonti documentarie importanti sono due privilegi pontifici dove viene nominato il paese come «Castro Camurani». Nel 1198 Camerano figurava come comune indipendente e appartenente alla lega di comuni creata per contrastare Marcovaldo. Dopo un breve periodo in cui il paese fu libero, finì sotto il controllo della Città di Ancona, diventando uno dei suoi venti castelli, incaricato di difendere l'area del Conero. Sulla rupe del "Sassone" sorse il primo castello o borgo fortificato. Subì poi l'occupazione dei napoleonici e, in seguito il comune affrontò un periodo di carestia. Camerano venne annesso al Regno d'Italia nel 1860 dopo la battaglia di Castelfidardo. Dopo la seconda guerra mondiale e l'occupazione tedesca del 1943, il comune fu liberato dagli alleati l’anno dopo; durante questo periodo la popolazione si rifugiò nelle labirintiche grotte contro i bombardamenti. Dunque incominciò a svilupparsi l'artigianato ed in seguito anche un incremento demografico nell'area urbana. Negli anni ‘60, Camerano conobbe un boom economico con la costituzione di numerose imprese industriali soprattutto nel settore degli strumenti musicali, della lavorazione del legno, dei metalli, della plastica, dell'abbigliamento e della produzione di vino, il Rosso Conero, che rendono Camerano ancora oggi famoso.