Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.” Il colle, celebrato nell’idillio di Giacomo Leopardi, era meta delle passeggiate dell’omonimo poeta, che vi accedeva direttamente dal giardino della sua casa, passando attraverso l’orto del convento di Santo Stefano e lì usava soffermarsi per godere lo splendido e vasto panorama dal Monte Tabor al mare Adriatico.