Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

1909-1986 Maestro di diritto umanista e mecenate. Giurista e Rettore dell’ Università di Macerata. Nasce a Porto Recanati il 13 Aprile 1909. Entra nel Seminario Vescovile di Recanati per poi conseguire la laurea in Teologia in quello regionale di Fano nel 1931, nello stesso anno viene ordinato sacerdote. Il 27 giugno 1941 si laurea in Giurisprudenza nell’Università di Macerata discutendo una tesi di diritto ecclesiastico. Dal 1936 al 1941 è professore incaricato di diritto pubblico ecclesiastico presso il Pontificio Seminario Regionale di Chieti e successivamente insegnante di storia dell’arte presso il Liceo Classico Statale “Giacomo Leopardi” di Recanati. Nella Facoltà di Giurisprudenza dell’ Università degli studi di Macerata, diviene assistente volontario alla cattedra di diritto Ecclesiastico dal 1941 al 1942, nel 1948 consegue la libera docenza nella stessa disciplina e nel 1968 viene nominato professore straordinario di Diritto Canonico, il 1 novembre del 1971, diviene professore ordinario e trasferito sulla cattedra di diritto Ecclesiastico. Il 20 maggio 1977 fu eletto rettore della medesima università fino al 1985, l’anno precedente la sua morte. Attilio Moroni è stato ed è un punto di riferimento per diverse generazioni di studiosi e docenti, un testimone e un simbolo e rappresenta la storia della facoltà di Giurisprudenza di Macerata, ha formato migliaia di studenti, saggio ed equilibrato, scienziato attento e fecondo, che ha cambiato il volto di questa università la quale grazie a lui è cresciuta nelle risorse, nelle strutture e nel prestigio. Fu autore, nel corso della sua vita, di numerose pubblicazioni di carattere giuridico, profondo conoscitore dell’arte e appassionato collezionista di quadri, raccolse moltissime opere del Cinquecento e Seicento e in particolare dipinti italiani e stranieri dell'Ottocento e del primo Novecento. Per sua volontà, i settemila volumi della propria biblioteca privata e circa 150 quadri di sua proprietà costituiscono oggi la solida base della biblioteca e della pinacoteca del Comune di Porto Recanati. Moroni è stato il presidente Onorario del Centro Studi Portorecanatesi, dal 1982 al 1986.