Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

L’antico edificio comunale (unito alla torre), detto “Palazzo dei Priori”, venne costruito all’epoca dell’unione dei tre castelli feudali di Recanati, Monte Volpino, Monte Morello e Monte Muzio (1150 c.). Ricostruito dopo un incendio nel 1322, e riedificato nel 1467, venne demolito nel 1871 per dar spazio all’attuale edificio. Venne iniziato nel 1872 su disegno dell’ingegnere Pietro Collina e dell’Architetto Giuseppe Sabbatini. Nella Piazza ingrandita venne posto il monumento dedicato a Giacomo Leopardi dono di Ugolino Panichi, e il 29 giugno 1898, nel primo centenario della nascita del Poeta, si fece la solenne inaugurazione del Palazzo Comunale. Al secondo piano troviamo: Il Foro Annonario è opera dell’ ing. Giuseppe Sabbatini , la grandiosa Aula Magna decorata da Gaetano Koch, la sala di rappresentanza con il busto del Poeta di Giulio Monteverde, la Sala degli Stemmi, e, l’Aula Consiliare, decorata con mobili del ‘700 e decorata in stile pompeiano dal perugino Matteo Tassi. Da sotto il loggiato si accede all’Atrio Comunale, e, con lo scalone d’onore, si arriva alle Sale del secondo piano. Era il duecentesco Palazzo dei Priori, abitazione del Podestà, già restaurato dal Bramante e sede pretoriale delle carceri e del vecchio teatro. L’edificio era unito e in linea con il lato est della Torre del Borgo. Demolito con il retrostante Convento dei Domenicani per dar posto al nuovo Palazzo Comunale di Pietro Collina. Vengono usati per la sua costruzione materiali provenienti dalla demolizione di altri edifici tra cui quelli della chiesa di S. Francesco.