Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Giacomo Braccialarghe Orafo Nato nel 1828, deceduto nel 1922. Geniale e valentissimo artista-operaio. I suoi bellissimi medaglioni cesellati in bronzo, rame, avorio raffiguranti allegorie, celebri personaggi italiani, personaggi ed episodi della storia greca e romana, le sue mirabili incisioni su cristallo e su guscio di madreperla, gli procurarono le più ambite lodi e le massime onorificenze in tutte le mostre dove espose i suoi lavori. A Recanati, G.B. nell’800, intagliò e cesellò per signori, nobili e cardinali, dando vita a questa speciale forma di artigianato. Dapprima rispose alle richieste di oggetti sacri per il santuario di Loreto, cercando poi una sua autonomia nella scelta dei soggetti fino alle innovative tecniche di produzioni, allargando nel tempo sia la gamma dei prodotti realizzati sia i mercati di sbocco. Comunardo Braccialarghe Scrittore (Macerata 1875- Buenos Aires 1951) polemista, anarchico, scrittore e giornalista, autore tra l’altro di novelle, romanzi, poesie, commedie, drammi e saggi, oltre che poliglotta (in possesso di tre lingue straniere) e traduttore di numerose opere; Giorgio Braccialarghe (22 agosto 1911 - 8 luglio 1993) figlio di Comunardo, noto esponente del movimento anarchico sindacale italiano di inizio Novecento, perseguitato e confinato politico, divenuto nel Dopoguerra ambasciatore in Brasile e console in Argentina, fino al suo pensionamento da tali ruoli Severino Braccialarghe Scultore (Macerata 21 giugno 1943) artista, valido scultore, autore di opere anche monumentali in Sud Africa, dove ha vissuto per lunghi periodi, ed ora operante in un piccolo borgo tra le colline Maceratesi e il Parco dei Sibillini dove intende risiedere in permanenza e promuovere l’espressione artistica e l’arte monumentale, in particolare.