Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Lorenzo Gigli, (Recanati 4 MAGGIO 1896 / San Fernando Buenos Aires 1983)  è stato un disegnatore, incisore, pittore e scultore. 
È  chiamato il pittore dei due Mondi.
Figlio di Luigi e Adelaide Peliccioni,ha lasciato l'Italia a 16 anni per emigrare in Argentina.
Si stabilisce a Buenos Aires , frequenta l' Accademia Nazionale di Belle Arti  e ottiene il  diploma di insegnante nazionale di disegno e pittura nel 1917, superando corsi grazie al suo talento naturale. Suo maestro e mentore è stato Pio Collivadino , Direttore della Nazionale di Belle Arti , dove ha insegnato dal 1908 fino al suo pensionamento nel 1935.
Nel 1924 ha viaggiato in Europa nei più importanti centri artistici, dopo aver studiato i grandi maestri nei musei  espone il suo lavoro. Tornato a Buenos Aires , è stato un assiduo collaboratore di riviste metropolitane "Plus Ultra", "Home", " Caras y Caretas " e " Mundo Argentino ".
Nel 1926 ritorna a Recanati e sposa la sua compagna dell'Accademia, Maria Teresa Valeiras , residente nella sua città natale, casa dove è nata sua figlia Adelaide Gigli , fino al 1930. Prendendo di nuovo contatto con la bellezza del paesaggio, opere di produzione del periodo giovanile, riprende con i temi dei paesaggi e degli agricoltori, con scene di vita quotidiana.
Sempre in Buenos Aires ,  riceve la nomina di professore di disegno presso l’ Accademia Nazionale delle Belle Arti “Manuel Belgrano Academy” e la Facoltà di Architettura della Università di Buenos Aires , ed  esercita con rigorosa responsabilità di insegnamento fino al 1956.
Anche se non ha fatto ritorno alla sua Recanati nativa, ha mantenuto uno stretto rapporto con la sua gente e il suo paesaggio si riflette chiaramente nel suo lavoro.
Ha dipinto fino a poco prima della sua morte. Nei suoi ultimi lavori ha realizzato una sintesi tra i suoi paesaggi di realistica italiana ed un'atmosfera onirica personale, ottenendo uno strano miscuglio di simbolo e realtà.