Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per ulteriori informazioni Clicca qui

Città dei bambini e delle bambine

Recanati Città delle bambine e dei bambine: al via il progetto “Partecipattivamente”

Calendario ricevimenti

Nei prossimi mesi sarà dunque possibile incontrare l’Assessore Michele Moretti, con deleghe a Urbanistica, Edilizia privata, Ambiente e Beni ambientali, Servizio smaltimento rifiuti, Transizione digitale nei giorni:

Giovedì 14 novembre dalle ore 18.00 alle ore 19.00

Sabato 7 dicembre dalle ore 10.00 alle ore 11.00

La vita che nasce: come accoglierla e tutelarla. Aspetti ostetrici, medici, educativi e psico-sociali.

L’Art. 42 della Convenzione dei diritti dei bambini e delle bambine stabilisce che tutti dovrebbero sapere che esiste una convenzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, cioè un accordo tra numerosi paesi che hanno deciso di obbedire alle stesse leggi per garantire un'infanzia serena a bambin* e * ragazz* del mondo. Hai il diritto di conoscere quali sono i tuoi diritti e anche gli adulti dovrebbero conoscerli e riconoscerteli. Per questi motivi. In occasione dei 30 anni dalla emanazione della Convenzione dei diritti dei bambini e delle bambine l’amministrazione convoca un Consiglio Comunale aperto ai bambini e alle bambine, ai ragazzi e alle ragazze, mercoledì 20 novembre 2019 alle ore 18.30 presso l’aula Magna del palazzo comunale in Piazza Leopardi.

Nell’ambito delle iniziative legate all’adesione del Comune di Recanati alla Rete regionale delle città amiche delle bambine, dei bambini e degli adolescenti, ampliando le possibilità già offerte alle scuole, l’amministrazione intende mettersi a disposizione dei più giovani presso la sede del Municipio in Piazza Leopardi, in alcuni giorni della settimana, per potersi incontrare e discutere. A partire dal mese di ottobre sarà possibile per bambine e bambini, ragazze e ragazzi chiedere un appuntamento al Sindaco, alla Presidente del Consiglio e agli assessori ed essere accolti con le proprie famiglie, i propri gruppi di appartenenza, gli educatori o gli insegnanti.